Frasi Napoletane: Le più belle da condividere

Solo qui potrai trovare le frasi napoletane più belle presenti sul web, da scaricare e condividere gratis su Facebook, Tumblr, Instagram, Pinterest e qualsiasi altro social preferisci.

Nella raccolta sono presenti frasi napoletane e in napoletano famose e non sull’amore, romantiche, sulla vita, simpatiche, divertenti e tutte da ridere, sull’amicizia, sull’invidia, cattive e anche quelle “offensive”.

Le frasi che abbiamo raccolto prendono spunto, come accade per la famosissima Smorfia Napoletana, dagli avvenimenti della vita di tutti i giorni, ai quali i napoletani sanno dare, con estrema dovizia, giusto “colore”.

Frasi Napoletane: Le più belle da condividere

 

frasi in napoletano

“Acala ‘e scelle ribbò!” – Non darti delle arie!

“A coppa ‘a mano.” – Come botta e risposta.

“Adda passà ‘a nuttata.” – Deve passare la notte.

“Addo’ magnano duje ponno magnà’ pure tre.” – Dove ci sono due persone a mangiare c’è cibo sufficiente anche per una terza persona.

“Addò vere e addò ceca.” – Dove vede e dove no.

“‘A femmena bona si tentata resta onesta, nun è stata bona tentata.” – Se una brava donna resta tale pur se tentata, allora non è stata ben tentata.

“A gatta, quanno sent’àddore d’o pesce, maccarune nun ne vò cchiù.” – La gatta, quando sente l’odore del pesce, non vuole più i maccheroni.

“A Napoli il semaforo rosso non è un divieto, è solo un consiglio.” Luciano De Crescenzo

“A ‘o core nun se cumanna.” – Al cuor non si comanda.

“Appenniteve ‘o tram.” – Attaccatevi al tram.

“’A speranza è ‘u ppane d’ ‘i puverielle.” – La speranza è il pane dei poveri.

“A volte penso addirittura che Napoli possa essere ancora l’ultima speranza che resta alla razza umana.” Luciano De Crescenzo

“‘A zezzenella è bona.” – Ha trovato un buon filone.

“Azzuppà ‘o ppane.” – Inzuppare il pane (godere di una situazione spiacevole altrui marciandoci sopra)

“Chi accatta sprezza, chi ha accattato apprezza.” – Chi compra disprezza, chi ha comprato apprezza.

“Chi crede ‘e guadagnà’ perde ‘a mmità.” – Chi crede di guadagnare, perde la metà, ovvero chi s’illude di fare un affare, s’imbatte in uno più furbo di lui, e perde la metà del capitale.

“Chi bella vo’ paré’, pene e guaie adda’ paté’.” – Chi bella vuole apparire un po’ deve soffrire.

“Chi ha fatto ‘o peccato pava ‘a penitenza.” – Chi ha fatto il peccato paga la penitenza.

“Chi me vo’ male adda fà ‘e piere fridde e a folla attuorno ‘o lietto.” – Chi mi vuol male deve avere i piedi freddi e la folla intorno al letto.

“Chi patesce p’ammore nun sente dulore.” – Chi soffre per amore non sente dolore.

“Chi sputa ‘ncielo ‘nfaccia le torna.” Chi sputa in cielo in faccia gli torna (come a dire che le cattive azioni ci si ritorcono contro).

“Dint’ ‘a ‘o vino sta ‘a verità.” Nel vino sta la verità (come dicevano i latini “in vino veritas“).

“È fernuta a zezzenella.” – È finita la pacchia

“È meglio a tene’ ‘a mala spina ca nu malo vicino.” – È meglio avere una spina nel fianco che un cattivo vicino.

“Femmene ‘e chiesa, diavule ‘e casa.” – Donne di chiesa, diavoli in casa.

“Me pare Pascale passaguai.” Mi sembri Pasquale passa guai.

“Napule è mille culure.” Pino Daniele

“Napulitane: larghe ‘e vocca e stritte ‘e mane.” – Napoletano, largo di bocca e stretto di mano.

“Nel vocabolario dei napoletani non esiste la parola lavoro, dicono la «fatica». Anche io sono così, non amo la fatica.” Roberto Rossellini

“’N ‘tiempo ‘e guerra ogni spito è spada.” In tempo di guerra ogni spina é una spada.

“Non è possibbele avere grieco e cappucce; la votta chiena e ‘a mogliera ‘mbriaca.” Non si può avere la botte piena e la moglie ubriaca.

“Nu’ sputà ‘ncielo,ca ‘nfaccia te torna.” – Non sputare in cielo chè ti ricadrà sul volto, ovvero non disprezzare il bene, perché quel disprezzo si ritorcerà contro di te.

“Ogne bella scarpa cu’ ‘o tiempo addiventa scarpone.” – Ogni bella scarpa col tempo diventa scarpone, ovvero anche le donne più belle diventano brutte e sgraziate.

“Pigliate ‘a bona quanno te vene, ca ‘a malamente nun manca maje.” – Prenditi la buona occasione quando ti capita, perché la cattiva non manca mai.

“Quanno si incudine statte, quanno si martiello vatte.”  Quando sei incudine statti, quando sei martello batti, ovvero quando hai il coltello per il manico, sappine approfittare; quando sei incudine usa prudenza.

“Se magna pe’ campa’, nun se campa pe’ magna’.” Si mangia per campare, non si campa per mangiare.

“Scinneme “a quoll”.” – Scendimi di dosso.

“Senza ‘e fesse ‘e diritte nun camparriano.” – Senza i fessi i furbi non camperebbero.

“Si Dio nun vo’, manco ‘e Sante ‘u ponno.” Se Dio non vuole nemmeno i Santi possono.

“Si ‘o prestito fosse buono se mprestarria ‘a mugliera.” – Se il prestito fosse sicuro si impresterebbe la moglie, ovvero è meglio non fare prestiti.

“Sott’ ‘e coperte nun se canosceno miserie.” – Quando si è sotto le coperte con una donna si dimentica ogni povertà.

“Tutto ‘o lassato è perduto.” – Ogni occasione lasciata è persa.

“Và cu ‘e pere ‘e chiummo.” – Vai con i piedi di piombo.

“Vide Napule e po’ muore.” – Vedi Napoli e poi muori.

Non hai trovato la frase napoletana che cercavi? Niente paura puoi sempre dare uno sguardo alla nostra raccolta di Proverbi Napoletani.